Matteo Piloni/ Comunicati stampa, Documenti, Politica del territorio e sul territorio, Racconti dal Pirellone, Rassegna stampa/ 0 comments

“Non abbiamo alcun problema nel riconoscere all’amministrazione regionale la volontà di dare una risposta definitiva al progetto dell’autostrada Cremona-Mantova, sia dal punto di vista finanziario sia da quello progettuale”.

Lo dichiarano i consiglieri regionali del PD Matteo Piloni e Antonella Forattini che erano presenti questa mattina all’incontro che si è svolto al Pirellone per fare il punto sul progetto infrastrutturale.

“Come abbiamo più volte ribadito, anche a seguito del nostro ordine del giorno approvato dal Consiglio regionale lo scorso dicembre durante il bilancio – dicono – l’obiettivo è sottoscrivere un patto per il sud della Lombardia”.

“Riteniamo indispensabile collegare questa parte di territorio a Milano e alle regioni limitrofe – aggiungono i consiglieri dem -. Da questo presupposto partono le nostre valutazioni e il nostro apprezzamento per l’impegno confermato questa mattina dalla Giunta lombarda: un impegno che fissa delle tappe ben precise, entro le quali recuperare il tempo perduto in tanti anni di immobilismo regionale”.

I prossimi sei mesi saranno decisivi per operare i necessari chiarimenti – spiegano – : sia dal punto di vista progettuale, si pensi ai flussi di traffico, sia da quello finanziario, per esempio la bancabilità e il pedaggio, sia da quello giuridico, si pensi alle concessioni e all’eventuale gara. E saranno decisivi anche per avere le risposte necessarie alla realizzazione dell’opera che, abbiamo ribadito durante l’incontro, dovrà andare di pari passo con il progetto del raddoppio della linea ferroviaria Milano-Cremona-Mantova, il cui finanziamento è stato stanziato dal Governo precedente e che non può prescindere da un’idea di sviluppo infrastrutturale complessiva”.

“A tal proposito, è bene ricordare anche il ruolo che Anas dovrà avere per il nuovo ponte di Casalmaggiore e le strade che rimangono incompiute nelle nostre Province” concludono Piloni e Forattini.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*