Matteo Piloni/ Comunicati stampa, Documenti, Racconti dal Pirellone/ 0 comments

I numeri: 119 aggressioni “comunicate” a Cremona tra il 2016 e il 2019, e 16 a Crema tra il 2018 e il 2019. La maggior parte avvenute in pronto Soccorso e Psichiatria.

4887 aggressioni in Lombardia tra il 2016 e il primo semestre del 2019, di cui 1142 solo nel primo semestre del 2019.

Nell’Asst di Cremona 119 (un terzo delle quali avvenute al Pronto Soccorso e in Psichiatria, e 15 “solo” in Pediatria), di cui 46 solo nei primi sei mesi del 2019, in quella di Crema 16 (11 solo tra il Pronto soccorso e la Psichiatria) tra il 2018 e il 2019, gli unici anni che abbiamo a disposizione. Basterebbero questi dati a dimostrare la necessità di una legge specifica che mette nelle condizioni le direzioni delle Asst di comunicare sempre ogni aggressione nei confronti degli operatori sanitari.

Infatti questi numeri riguardano “solo” le aggressioni che sono state comunicate, ma che nella realtà sono molte di più.

Il fenomeno della violenze ai danni del personale sanitario nelle strutture ospedaliere e non, è diffuso da tempo  ma ancora poco conosciuto perché mancano procedure di monitoraggio certe e omogenee. È dall’analisi di questa situazione che è nato il progetto di legge  bipartisan sulla sicurezza del personale sanitario e socio sanitario  approvato oggi in aula all’unanimità,  sintesi di due progetti di legge presentati dalla consigliera regionale Carmela Rozza (Pd)  e dal consigliere Franco Lucente (Fdi) . “Il testo approvato oggi- sottolinea il consigliere regionale Matteo Piloni (Pd) – obbliga tutte  le aziende sanitarie pubbliche e private accreditate innanzitutto a mappare il fenomeno, che coinvolge per l’80% gli infermieri, ma che riguarda anche medici e operatori. Il testo tiene conto di due aspetti del fenomeno: quello relativo agli atti di violenza compiuti ai danni degli operatori, soprattutto nei pronto soccorso per i quali è necessario un  intervento delle forze dell’ordine, e quello relativo ad atti  compiuti, ad esempio nei reparti di psichiatria, da pazienti  afflitti da gravi patologie per cui serve soprattutto una maggiore formazione del personale”.
“La legge – conclude  Piloni- prevede l’istituzione di un tavolo tecnico che dovrà mettere a punto le soluzioni necessarie a contrastare la violenza  ai danni degli operatori sanitari, in particolare  prevedendo  installazione di telecamere, formazione del personale e interventi nei varchi d’accesso e la promozione di protocolli d’intesa  con le forze dell’ordine per garantire la presenza di presidi nei pronto soccorso e nei reparti più a rischio.  Da parte nostra monitoreremo l’applicazione della legge. Fra un anno in consiglio ne chiederemo la verifica ”.

QUI i dati forniti dalle Asst di Cremona e Crema:

assstcrema

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*