Matteo Piloni/ Comunicati stampa/ 0 comments

Egr. Direttore
leggendo la lettera dei rappresentati cremaschi del movimento 5 stelle “contro” il comitato cremasco che sostiene il NO al referendum mi è venuta in mente una frase di un famoso scrittore brasiliano, Paulo Coelho, che scriveva “Una cosa è pensare di essere sulla strada giusta, ma tutt’altra è credere che la tua strada sia l’unica.”
L’arroganza non è mai la risposta, e quanto ho letto ne era carica.
Io voterò al SI al referendum, per una serie di motivi che mi portano a pensare che questo possa essere un passaggio utile a fare una serie di riforme necessarie per il Paese, che una eventuale Vittoria del NO mi porta a pensare non partirebbe.
Non condivido affatto motivazioni economiche legate al risparmio ne a quelle che intravedono un pericolo per la democrazia.
Purtroppo il parlamento fa fatica a lavorare da tempo, e il centrosinistra da anni prova a migliorare il funzionamento delle Istituzioni con delle proposte che hanno sempre previsto la riduzione del numero dei parlamentari.
Ma non è con l’arroganza che si può lavorare. Non è con l’insulto che si sostengono le proprie ragioni.
Molte ragioni del NO sono giuste, e non solo vanno rispettate. Ma se si vuole provare a costruire una prospettiva di riforme va fatto ascoltando anche quelle ragioni.
Spiace che ancora una volta si preferisca l’arroganza e l’insulto, al confronto e al rispetto.
Il tifo, in politica, fa solo danni.

Matteo Piloni
Consigliere regionale

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*