Matteo Piloni/ Comunicati stampa, Politica del territorio e sul territorio/ 0 comments

Lo studio di fattibilità per il raddoppio della tratta Cremona-Olmeneta sarà avviato all’inizio del prossimo anno. È quanto venerdì l’assessore Terzi ha comunicato al consigliere regionale del Pd Matteo Piloni rispondendo alla sua interrogazione nella quale si chiedevano le tempistiche per la redazione dello studio per il raddoppio della tratta.
“Si tratta di una risposta positiva e importante, anche se in ritardo di un anno rispetto agli impegni presi da parte di Rfi– dichiara Piloni –. Lo scorso ottobre ho posto nuovamente la questione alla Regione, perché è importante tenere alta l’attenzione su tutte le linee della nostra provincia. La tratta tra Cremona e Olmeneta è un intervento fondamentale che coinvolge ben sei tratte ferroviarie – tra le quali le linee Brescia-Cremona e Treviglio-Cremona, notoriamente le più frequentate dai pendolari – e che alzerebbe moltissimo gli standard qualitativi del servizio, incrementando la frequenza, migliorando la puntualità, la regolarità e la sicurezza del traffico pendolare e favorendo al contempo un adeguamento dell’itinerario merci transpadano”.

“La Regione – fa sapere il consigliere dem – nella sua risposta, ha comunicato, inoltre, qualche aggiornamento relativo al raddoppio della Mantova-Cremona-Codogno, con la previsione di avviare i lavori a marzo 2022 e attivare la prima fase – la tratta Mantova Piadena – a novembre 2025, e al potenziamento della linea Cremona-Crema-Treviglio, in particolare, alla realizzazione della sede di incrocio di Casalbuttano il cui inserimento in programmazione è quindi ora in fase di valutazione da parte della stessa RFI. Sono, inoltre, in corso tavoli tecnici di condivisione con i comuni interessati dalla linea Cremona-Crema-Treviglio per individuare le opere sostitutive per la soppressione dei passaggi a livello esistenti e sono in fase di approfondimento le esigenze locali, al fine di individuare gli interventi più strategici da finanziare. Per quanto riguarda, invece, la realizzazione di un raddoppio completo della linea, la Regione sta lavorando al fine di presentare a RFI, al prossimo tavolo di ascolto, la richiesta di implementare la miglior soluzione infrastrutturale e di mobilità per la Paullese-Crema”.

“Pochi giorni fa, la Regione ha anche annunciato di aver investito 597 milioni per le opere ferroviarie, che si aggiungono al miliardo in mezzo annunciato da Rfi per la nostra Regione. Sarà utile capire quante risorse e su quali interventi la regione si sta attivando sui nostri territori. Rimaniamo infine ancora in attesa dei nuovi treni Donizetti previsti per questa linea, non prima della fine del prossimo anno” conclude Piloni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*